Tartufi e dimore storiche, il bello e il buono del mangiar fuori

L’ultimo arrivato è un ristorante interamente dedicato al tartufo. Si trova all’interno di uno degli alberghi più antichi d’Italia e lo gestisce una famiglia toscana che da quattro generazioni dedica la propria vita al tubero più pregiato del mondo. Si tratta del ristorante Truffle Experience, il primo ristorante della famiglia Savini, celebri tartufai che da San Miniato di Pisa hanno conquistato il mondo. Il ristorante, aperto da una manciata di giorni, è aperto da mezzogiorno fino a tarda sera ed accoglie sia i turisti che alloggiano all’NH Collection Firenze Porta Rossa di via Porta Rossa (celebre set di “Amici miei”) sia i fiorentini ghiotti di tartufi. In cucina un pool di giovani cuochi che hanno lavorato ad un menu capace di convincere sia da solo sia accompagnato dal tartufo.

La forza del progetto della famiglia Savini è quello di offrire durante tutto l’anno le sette varianti del prezioso tubero, dal pregiatissimo bianco al bianchetto, dallo scorzone al nero pregiato. Si possono così assaggiare piatti di culto come l’uovo al tegamino di Parisi sommerso da una pioggia di tartufo o i tagliolini Caponi del tartufaio toscano ma anche proposte diverse come la zuppa di fagioli cannellini del Pratomagno e polpette di salsiccia di Scarpaccia. Una menzione particolare per i tortellacci ripieni di pecorino di fossa e radicchio trevigiano su zabaione al parmigiano reggiano, per il baccalà su letto di crema di patate e pioggia di tartufo e per la Mattonella di Vivoli (alla ricotta di pecora) con fichi secchi, miele al tartufo e tartufo bianco. I prezzi rientrano nel range medio alto (da 60 a 70 euro a pasto), il ristorante è sempre aperto e vi si accede sia da via Porta Rossa 19 sia da via delle Terme 16. Info e prenotazioni 0553995913.

Leggi su: threeforfashon